TAV   Leave a comment

T.A.V. – Treno Alta Velocità

ovvero come devastare un territorio

9 ottobre 2010

Si è svolta sabato 9 ottobre per le strade del centro di Firenze la manifestazione “No tunnel TAV”, la quale ha radunato tutte le persone contrarie alla costruzione del tunnel a 25 metri sotto Firenze e alla costruzione della stazione “Foster” nell’area dei Macelli.

P1240563
Alla manifestazione erano presenti oltre al comitato No Tunnel TAV, anche il comitato Acqua Mugello Valdisieve e il comitato Val di Sieve, pronti ad appoggiare la protesta del corteo, per la strada abbiamo incontrato anche Vandana Shiva, la quale ha espresso simpatia e appoggio.
P1240592
La protesta non era un NO pregiudiziale, come hanno spiegato gli organizzatori ma un NO motivato dal fatto che il tunnel verrebbe costruito ad una profondita’ di soli 25 metri e quindi arrecherebbe grave pericolo strutturale agli edifici sovrastanti al tunnel, si parla di 2.000 edifici, in piu’ ci sarebbero rischi concreti di interruzione per la falda acquifera e ultimo ma non ultimo, il costo del progetto risulta sproporzionato rispetto al progetto alternativo presentato dal comitato No Tunnel TAV.
L’alternativa consiste nel far passare i treni AV in superficie.
Il progetto rientra in un quadro di appalti milionari con l’unico scopo di cementificare senza valutare costi contenuti, sicurezza sul lavoro, vivibilità e impatto ambientale, d’altronde nel Mugello ne sappiamo qualcosa, ormai i fiumi li hanno impattati e seccati… nel nome degli appalti e del denaro.
P1240584
vedi le altre foto su Flickr

———————————————
22 settembre 2010

Onore a Pietro Mirabelli morto in galleria

Aveva lavorato fin dal 2000 nella Cavet, il cantiere dell’Alta Velocità ferroviaria Firenze e Bologna, era stato responsabile della sicurezza ed era un testardo dei diritti …… ce lo introduce Simona Baldanzi che aveva ascoltato i suoi racconti poi riportati nel libro “Figlia di una vestaglia blu”.

E’ morto stanotte Pietro Mirabelli in galleria in Svizzera. Un masso si è staccato dal fronte mentre una squadra lavorava con il jumbo.

È morto in ospedale nel Canton Ticino per troppe lesioni interne. Aveva di recente lavorato per un breve periodo alla Toto a Barberino, dopo il periodo di cassaintegrazione in seguito alla chiusura dei lavori dell’Alta Velocità.

Aveva infatti lavorato dal 2000 in CAVET dove era stato RLS, RSU fino alla conclusione dell’opera. Pietro era un minatore calabrese, era un lancista, quello che sparava cemento al fronte della galleria, che aveva lavorato in
una miriade di cantieri, per le grandi opere, per la velocità e il benessere del Nord, mentre a Pagliarelle, nella sua terra, dovevi fare quindici minuti di macchina per raggiungere la prima edicola.

Mai prima di lui ho conosciuto qualcuno che ha fatto della dignità del lavoro una propria insostituibile missione. Un testardo dei diritti che ultimamente era rimasto ferito da questa Italia, dalla sua politica, dai sindacati e se ne era andato in Svizzera anche e soprattutto per questo. Pietro era un figlio d’arte, come lui stesso si definiva. Il padre è morto di silicosi in seguito al lavoro di galleria.

Pietro, anche se non ci credeva, era riuscito però a infrangere un silenzio sulla condizione dei minatori moderni e aveva conosciuto e incontrato una miriade di persone, coinvolgendo tutti nella sua battaglia a partire dal quarto turno e dalla sicurezza.

Aveva anche fatto incontrare la comunità montana del Mugello e quella del Crotonese e il monumento nella piazza sui caduti al lavoro a Pagliarelle frutto dell’incontro di due terre, lo si deve a lui. Aveva letto le lettere deicondannati a morte della resistenza per scrivere la frase che sta impressa sotto quell’uomo di bronzo che accecato dalla luce esce dalla galleria fatta di pietra serena di Firenzuola, da quel suo Mugello a cui ha dato tanto, persino il nome della via di casa sua, ai piedi della Sila. Ora, non venitemi a parlare di cultura della sicurezza, perché Pietro ne era l’essenza.

Non ci crediamo che sia potuto succedere a lui proprio perché lui ha lottato contro tutto questo per tutti gli altri, per tutti noi. Non riesco ad aggiungere molto, sono stata indecisa se scrivere e cosa scrivere, ma alla fine mi sono detta, zitta no. Zitti non possiamo stare. Dobbiamo informare e far girare la notizia, fra quelli che lo conoscevano, fra quelli che conoscono la sua storia, fra quelli che non lo conoscono.

Pietro era un uomo e un simbolo di lotta, di quelle rare che sembrano non esistere più. Le morti sul lavoro restano sotto lo zerbino di case vuote e lasciano un dolore lacerante che ti toglie il fiato.

Ti toglie l’anima se a morire è Pietro.

Simona Baldanzi

Annunci

pubblicato settembre 26, 2010 da Acqua Mugello Val di Sieve

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: